FAQ - Produttori AEE Professionali

 

Lunedì 18 febbraio 2008 scadono i termini per l’iscrizione obbligatoria al Registro dei Produttori di Raee pena consistenti sanzioni economiche e la sospensione dell’attività.

Molta la confusione in questi ultimi giorni a causa della poca attenzione dedicata da molte Aziende ad una normativa sulla quale è stata peraltro effettuata una massiccia campagna di comunicazione da parte delle maggiori associazioni di settore (ANIE, Assodel, Unioncamere, Ecoqual’It, etc.), dai sistemi collettivi di smaltimento e da alcune Aziende rappresentative della filiera del fine vita.

 

Per iscriversi al Registro, i produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche destinate al mercato domestico devono dimostrare la propria appartenenza ad un Sistema Collettivo di gestione Raee, mentre i produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche destinate al mercato professionale possono scegliere se aderire ad un sistema collettivo oppure stipulare un contratto con un operatore di filiera del fine vita.

 

Non sono poche le imprese che hanno atteso l’ultimo momento per risolvere la questione e ciò ha comportato il sovraccarico dei siti delle Camere di Commercio dove le iscrizioni vanno formalizzate.

Con largo anticipo il Consorzio Ecoqual’It e la rivista Ecofocus hanno segnalato ai produttori e agli associati la necessità di iscriversi al Registro, spiegandone le modalità.

 

Per quanto riguarda l’iscrizione al Registro da parte dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche destinate al mercato domestico, il Centro di Coordinamento – l’organismo preposto a gestire la filiera del fine vita gestito e governato dai sistemi collettivi – ha predisposto il sito www.centrodicoordinamentoraee.it dove le aziende troveranno tutte le informazioni necessarie. I produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche destinate al mercato professionale troveranno di seguito le indicazioni fondamentali per orientarsi.

 
 

IL D. Lgs. 151/05: FINANZIAMENTO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI

DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE)

 
I RAEE PROFESSIONALI
 

IL PRODUTTORE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE è, in generale, colui che:

 

- Fabbrica e vende apparecchiature elettriche ed elettroniche recanti il proprio marchio

- Rivende a proprio marchio apparecchiature prodotte da altri fornitori

- Importa o immette  per primo sul territorio nazionale apparecchiature elettriche ed elettroniche in nell’ambito di un’attività professionale e ne opera la commercializzazione, anche mediante vendita a distanza

-  Produce apparecchiature elettriche ed elettroniche destinate  esclusivamente all’esportazione è produttore solo ai fini degli art. 4, 13 e 14 del D. Lgs. 151/05

 

IL PRODUTTORE DI AEE PROFESSIONALI è, in particolare, colui che immette sul mercato apparecchiature elettriche ed elettroniche progettate e intese per essere utilizzate solo da utilizzatori professionali o quelle AEE doppio uso che sono commercializzate tramite canali che hanno prevalentemente come destinatario  l’utilizzatore professionale. Il produttore di AEE  domestiche invece è colui che immette sul mercato prodotti destinati ad un’utenza domestica distribuiti dai normali canali di vendita come, per esempio, la grande distribuzione o i negozi aperti al pubblico.

 

IL PRODOTTO FINITO è una qualsiasi apparecchiatura o strumento che ha una funzione diretta, un suo involucro e, dove applicabile, porte e connessioni intese per  l’utilizzo finale. Per  “funzione diretta” si intende la caratteristica del prodotto finito che svolge la funzione specificata dal costruttore senza connessioni ad ulteriori sistemi

 

SONO ESCLUSI DALLA DIRETTIVA

- Utensili fissi industriali di grandi dimensioni

- Istallazioni fisse (istallazioni industriali, sistemi centralizzati di condizionamento, celle frigorifere, sistemi di distribuzione gas, carburante etc.)

- Impianti elettrici di citofonia, videocitofonia, sistemi di allarme, antincendio, rilevazione fumo e gas, ricezione TV, etc.

- I prodotti finiti che sono parte di una istallazione fissa (combinazione di varie apparecchiature, sistemi, prodotti finiti e/o componenti assemblate e montate)

 

OBBLIGHI PER IL PRODUTTORE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE PROFESSIONALI

Il D. Lgs. 151/05 definisce l’obbligo di finanziamento della gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche da parte dei produttori che le immettono sul mercato ma lascia libera scelta al produttore stesso di adempiere attraverso l’iscrizione ad un sistema collettivo di smaltimento o attraverso un rapporto diretto con un operatore di filiera del fine vita RAEE.

 

- Il sistema collettivo di smaltimento è una associazione di produttori (nel nostro Paese ha preso piede soprattutto la forma consortile) e poiché i sistemi collettivi operano in regime di libera concorrenza, i produttori potranno scegliere tra i vari sistemi. Prevedono, nella maggior parte dei casi, una quota di ingresso e una definizione dei costi dello smaltimento sulla base della suddivisione delle quote di mercato

- L’operatore di filiera del fine vita RAEE è un’azienda operativa nella raccolta, trattamento, riciclo e/o smaltimento rifiuti. Gli operatori di filiera sono da anni operativi e la maggior parte delle aziende sono in grado di fornire servizi e assistenza completi e qualificati. Nella maggior parte dei casi, il costo della gestione dei rifiuti viene definita in base alle quantità ritirate. Gli operatori del fine vita devono essere iscritti al Registro Nazionale Gestori Ambientali e essere in possesso delle autorizzazioni necessarie.

 

ISCRIZIONE AL REGISTRO

Il  produttore di apparecchiature elettriche elettroniche professionali dovrà espletare le seguenti formalità:

 

1. Adesione ad un sistema collettivo di smaltimento oppure stipula di un accordo con un operatore di filiera del fine vita

2. Acquisizione, o controllo validità, del dispositivo di firma digitale (smart card) apposta dal legale rappresentante dell’impresa: per informazioni www.card.infocamere.it  

3. Acquisizione lettore smart card

4. Raccolta dati sul peso o sul numero di pezzi immessi sul mercato per l’anno precedente all’iscrizione o stima per l’anno in corso

 

Solo dopo aver eseguito le procedure 1, 2, 3 e 4 di cui sopra, sarà possibile  l’Iscrizione al Registro Produttori da effettuarsi esclusivamente tramite collegamento al sito www.impresa.gov.it